© Soprintendenza Speciale PSAE Roma


Nome dell’oggetto:

Ritratto di Paolo V Borghese

Ubicazione:

Roma, Italia

Museo che conserva l’oggetto:

Galleria Borghese

Datazione del monumento:

1621

Tipo di oggetto:

Mosaico

Artista(i) / Autore della fabbricazione:

Marcello Provenzale (1577, Cento (Ferrara)-1639, Roma)

Numero di inventario museale:

495

Materia(e) / Tecnica(e):

Commesso di tessere vitree e marmoree

Dimensioni:

Cm 65 x 54

Provenienza:

Collezione Borghese

Descrizione:

L'opera reca sul lato sinistro la firma “”MARCELLI PROVENZALIS CENTEN. OPUS” e il basso l'iscrizione “PAVLVS. V. BURGHESIVS. ROMANVS. P. O. M. ANN. MDCXXI. PONT. XVI.”. Il mosaico fu commissionato all'artista dal cardinale Scipione Borghese, nipote dello stesso pontefice. Impressionante è la minuzia e la finezza dei dettagli, come il bordo di pelliccia del camauro e della mozzetta. L'espressione combina in perfetto equilibrio la naturalezza dell'individuo con la posa ieratica consona al ruolo del successore di Pietro. In alto a destra è lo stemma papale con l'insegna di Casa Borghese, riconoscibile dall'aquila e dal drago. L'opera è ricordata per la sua straordinarietà nella biografia di Marcello Provenzale, inserita da Giovanni Baglione nel 1642 tra quelle dei maggiori artisti del suo tempo. Per la rara abilità nella produzione di mosaici a tessere minute, realizzati per lo più su cartoni preparati da importanti pittori, Provenzale fu ritenuto dai contemporanei superiore ai maestri dell'età classica. Durante il pontificato di Polo V ricevette numerose e importanti commissioni per la Basilica Vaticana, dove eseguì i mosaici per la cappella Clementina, su disegno di Cristoforo Roncalli, detto il Pomarancio, e quelli della cupola. Provvide inoltre, con larghe integrazioni, al restauro del celebre mosaico del 1300 raffigurante la Navicella, opera di Giotto. Fu uno degli artisti prediletti da Scipione Borghese, che lo incaricò della realizzazione di numerose opere, molte delle quali ancora oggi presenti nel Museo, e visse come protégé presso il palazzo della principesca famiglia romana.

View Short Description

Proprietario attuale:

Stato Italiano

Proprietario originale:

Scipione Borghese

Criterio di datazione dell’oggetto:

Iscrizione

Modalità di acquisizione da parte del museo:

La collezione Borghese è stata acquistata dallo Stato Italiano nel 1902

Bibliografia di riferimento:

Della Pergola P., Galleria Borghese. I dipinti, I, Roma, 1955, n. 107. p. 62.
 
Stacciali S., in Opere in mosaico, intarsi e pietra paesina, catalogo della mostra, Roma, 1971, n. 3, pp. 12-13.
 
González Palacios A., “Provenzale e Moretti: indagine su due mosaici”, in Antichità viva, 4, 1976, pp. 26-33.
 
 
Fratarcangeli M., in Barock Kunst und Kultur im Vatikan im Rom der Päpste. 1572-1676, catalogo della mostra (Bonn, Berlin), 2005, n. 124 p. 239.

[thg_db_notice_b_title]

Copyright immagine: Archivio fotografico Soprintendenza Speciale PSAE e Polo Museale della Città di Roma.

Citation:

Sofia Barchiesi "Ritratto di Paolo V Borghese" in Discover Baroque Art , Museum With No Frontiers, 2018. http://www.museumwnf.org/thematicgallery/thg_galleries/database_item.php?itemId=objects;BAR;it;Mus11;37;it&id=mosaics

Compilato da: Sofia BarchiesiSofia Barchiesi

CV:
Sofia Barchiesi, laureata e specializzata in Storia dell’Arte, vincitrice della borsa di studio della Scuola di Specializzazione in Storia dell'Arte Medioevale e Moderna, collabora con la Soprintendenza per i Beni Storico Artistici e per il Polo Museale Romano dalla fine degli anni ’80. Si è occupata di catalogazione delle opere d’arte del territorio e dei musei romani, studiando in particolare il periodo della Controriforma. Ha collaborato con riviste e scritto saggi, alternando al lavoro di ricerca l’attività didattica.

Numero di lavoro di MWNF: IT1 51

Related Content


On display in

MWNF Galleries


Download

As PDF (including images) As Word (text only)